Privacy Policy
Home / Sanità in Sicilia

Sanità in Sicilia

news

A Catania primo impianto in Italia di pacemaker senza fili su un paziente cardiotrapiantato

La Sicilia delle Eccellenze che vince anche le battaglie più complesse. Presso la Divisione di Cardiologia dell’ospedale Garibaldi Centro di Catania, diretta dal dott. Salvatore Felis, è stato impiantato per la prima volta in Italia (seconda volta nel mondo) un pacemaker senza fili “leadless” in grado di garantire sincronia atrioventricolare (AV) in un paziente affetto da cardiomiopatia ischemica cronica, in trattamento dialitico ed in terapia mmunosoppressiva cronica, già sottoposto a trapianto di cuore nel 1999. Ripercorriamo tutti i momenti dell’intervento. Il paziente giunge presso l’ambulatorio di aritmologia per riscontro, ad esame Holter, di pause maggiori di 2,5 secondi e blocco atrioventricolare (BAV) di II° con conduzione 2:1 e 3:1 intermittente. “Trattandosi di un paziente cardiotrapiantato che, causa insufficienza renale cronica, si sottopone più volte a…

il servizio

Pnrr e Long Covid: la due giorni allo Steri per aprire un dibattito sulla sanità siciliana in pandemia CLICCA E GUARDA IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO Long Covid e Pnrr sono i temi principali della due giorni “Covid e Long Covid: la Sanità Siciliana e il PNRR”, organizzata dall’Università degli Studi di Palermo in occasione del Mediterranean HealthCare Hackathon | Launch edition 2022 a Palazzo Steri. “È arrivata una richiesta forte da parte dell’ateneo palermitano di entrare nel merito di eventi che potessero testimoniare la presenza in un argomento così trasversale e strategico per i prossimi anni che è il Pnrr. L’occasione è di mettere a confronto gli operatori della sanità siciliana, declinando le missioni dei fondi non soltanto salute ma anche immaginando la transizione ecologica e innovazione“, sostiene Alberto Firenze, commissario per l’emergenza Covid di Messina e provincia. L’obiettivo dell’evento quindi è quello di riuscire…

l'intervista

Telemedicina per il diritto alla salute, Toti Amato: “È necessario faccia parte del bagaglio culturale del medico” CLICCA E GUARDA IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO Se i servizi in Telemedicina sono visti come un’opportunità dal 95% dei medici di famiglia (report Fimmg) che vedono nelle risorse del Pnrr la soluzione per gestire in futuro salute e cronicità in modo equo e sostenibile, solo il 30% ne ha usufruito, specialmente col Covid. Un’accelerazione alla medicina territoriale “apparente”, nonostante le televisite abbiano dimostrato, al di là della pandemia, di essere indispensabili non solo per seguire le fragilità più gravi e le cronicità, ma per governare anche le infinite liste d’attesa durante il lockdown. “Gli Ordini dei Medici, da quando è stata promulgata la legge 3 del 2018 (legge Lorenzin), hanno il compito istituzionale della formazione e dell’aggiornamento professionale e la Telemedicina deve far parte del bagaglio culturale…

l'intervista

Deontologia, comunicazione efficace e Covid: l’approfondimento con il presidente Igo La Mantia CLICCA PER GUARDARE IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO Per la prima volta gli ordini dei medici del territorio hanno creato una rete di comunicazione mirata alla condivisione degli obiettivi come garantire ai cittadini il diritto ad una corretta ed uniforme informazione e analizzare lo stato dell’arte della sanità regionale. Ne parla Igo La Mantia, presidente dell’Ordine di Catania: “Le aspettative sono tante per un’iniziativa importante che vede Toti Amato, presidente Omceo Palermo, come promotore e ideatore. Partecipare a Siciliamedica è sicuramente un’opportunità per poter aumentare quella che è l’informazione e la formazione, quindi anche con articoli scientifici. Vogliamo riunire gli operatori sanitari della Sicilia e avere un giornale che può farlo è una grande opportunità, potendo, forse, migliorare  anche l’etica e la deontologia della nostra professione“, afferma. Nonostante gli aspetti…

l'intervista

Rete di comunicazione per una migliore sanità, il presidente Pitruzzella: “Siamo i responsabili della salute, abbiamo eccellenze da far conoscere” CLICCA E GUARDA IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO La rete di comunicazione creata dai nove Ordini dei Medici siciliani si compone dell’Osservatorio comunicazione ed economia in sanità (Oces) e SiciliaMedica.it. Sono obiettivi mirati e volti al garantire ai cittadini il diritto ad una corretta informazione e analizzare lo stato dell’arte della sanità regionale. “In un progetto dove dobbiamo fare una fotografia della sanità, noi che siamo i responsabili della salute dei cittadini, perché non dare anche un indirizzo alla politica, un contributo fattivo e positivo, per una sanità sempre migliore”, afferma il presidente dell’Ordine dei Medici di Agrigento, Santo Pitruzzella. Un obiettivo importante della rete di comunicazione, oltre che creare una corretta informazione, è quello di rendere la sanità territoriale migliore in modo da evitare le “fughe” fuori…

il bollettino

Covid in Sicilia, i contagi: 3.263 nuovi positivi e 17 vittime

Sono 48.255 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 47.039. Le vittime sono invece 138, rispetto a ieri 14 in meno. Il tasso di positività è al 14,7%, stabile rispetto al 14% di ieri. I DATI IN SICILIA Sono 3263 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia (ieri 3131) a fronte di 23.486 tamponi effettuati, su un totale di 12.692.422 da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 17 decessi (ieri 20) che portano il numero delle vittime complessive, sull’isola, a 10.663. E’ quanto si legge nel bollettino di oggi del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Il numero degli attualmente positivi in Sicilia è di 114.197 (-1.997), mentre le persone ricoverate con…

l'intervista

Gusto, Olfatto e Long Covid: nascono due ambulatori dedicati a Palermo e Catania, il commento del presidente Igo La Mantia

Sin dai primi accenni di Covid perdere il gusto e l’olfatto sono stati i sintomi esplicativi dell’infezione. La perdita dell’olfatto senza rinorrea o congestione nasale significa che il Coronavirus attacca i chemocettori degli organi di senso. Questi sintomi, che non si esauriscono con l’infezione da Sars-cov-2, creano un forte disagio nei pazienti guariti. Il fenomeno del Long Covid ormai è infatti all’ordine del giorno, con le sue diverse problematiche, tra cui la depressione che, se non presa in tempo, può condurre anche alla morte. Da queste considerazioni nasce l’esigenza di trattare il sintomo a cui hanno pensato il Policlinico “Giaccone” di Palermo e il Policlinico “Rodolico” di Catania, che hanno costituito nei reparti di “Otorinolaringoiatria” degli ambulatori Long Covid dedicati. “La necessità era quella di attivare un modo per poter rispondere alle esigenze…

il bollettino

Covid in Sicilia: 3131 nuovi positivi e 20 decessi

Sono 3131 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 23.880 tamponi processati in Sicilia. Il giorno precedente i nuovi positivi erano 4.615. Il tasso di positività scende al 13,1% ieri era al 17,2%. La Sicilia è al sesto posto per contagi. Gli attuali positivi sono 116.194 con un decremento di 570 casi. I guariti sono 4.292 mentre le vittime sono 20 portano il totale dei decessi a 10.646 Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 803, 17 in meno rispetto al giorno precedente, in terapia intensiva sono 42, tre in meno rispetto al giorno precedente. A livello provinciale si registrano a Palermo 1.037 casi, Catania 755 Messina 386, Siracusa 353, Trapani 372, Ragusa 262, Caltanissetta 202, Agrigento 325, Enna 50. di Redazione© Riproduzione Riservata©…

il fatto

Post Covid tra Delta e Omicron: ne soffre 30% dei guariti

Col finire delle vacanze e col solito calo di tamponi crescono i contagi sopra i quattromila e quello che preoccupa stavolta sono altri aspetti della pandemia: il 30% dei contagiati soffre della sindrome post o long Covid e salgono i ricoveri degli anziani, anche se asintomatici. A lanciare l’allarme è il Cannizzaro di Catania, tracciando un confine tra variante Delta e Omicron. Se per la Delta i sintomi erano forti e il post anche, Omicron non crea grossi sintomi ma resta comunque il rischio di Long Covid, alle volte anche cronicizzato. I sintomi sono tosse, tachicardia, problemi uditivi, depressione, scarsa capacità di concentrazione e affaticamento. Per questi disturbi però non esistono delle cure specifiche, infatti entrano in gioco i presidi creati ad hoc ad Enna e presto anche…

il servizio

Prevenzione al primo posto: il seminario di presentazione del nuovo piano regionale CLICCA E GUARDA IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO Prevenzione e promozione della salute, parità di accesso e una corretta comunicazione: questi gli obiettivi del piano regionale di prevenzione. L’evento di presentazione, organizzato dal Cefpas in collaborazione con il Servizio 5 del DASOE, si è tenuto stamattina nell’aula magna dell’ospedale Cervello di Palermo e ha visto la partecipazione di molte autorità del panorama istituzionale, vertici delle Asp e delle Aziende ospedaliere, esponenti del mondo scientifico, accademico e dell’associazionismo. A fare il punto sul nuovo piano quinquennale è Daniela Segreto, dirigente del servizio 5 del Dipartimento Attività Sanitaria Osservatorio Epidemiologico dell’Assessorato Salute: “Il piano regionale della prevenzione 2020\2025 è un quadro logico all’interno del quale si intestano tutte le attività di prevenzione e promozione della salute, fondamentali. Queste attività saranno portate avanti nel prossimo quinquennio dall’Assessorato…

1 2 3 94

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.