Privacy Policy
Home / Sanità in Sicilia

Sanità in Sicilia

Fondi in 18 strutture dell'Isola

Regione: decreto Razza, 85 mln per investimenti in tecnologie sanitarie

La Regione dà vita al più imponente investimento in tecnologie sanitarie degli ultimi dieci anni. A disposizione per gli ospedali dell’Isola ci sono 85 milioni di euro. Su input del presidente Nello Musumeci, l’assessore alla Salute Ruggero Razza ha siglato il decreto che di fatto avvia un radicale processo di innovazione e ammodernamento delle apparecch iature di ‘media tecnologia’ (ecografi, microscopi, tavoli operatori, elettrobisturi, laser chirurgici, angiografi, colonne laparoscopiche, defibrillatori) in uso quotidianamente negli ospedali siciliani. Lo dice la Regione siciliana in una nota. Si tratta di risorse destinate a tutte le aziende del Sistema sanitario dell’Isola che permetteranno di sostituire quelle strumentazioni ritenute obsolete e che, soprattutto in alcuni ambiti, consentiranno il prosieguo di una innovazione dell’attività clinica già in atto. “Questo investimento nelle…

prevenzione anche dopo il lockdown

In aumento i casi Covid a Palermo, prevenzione dopo il lockdown: parla l’esperto | IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO In aumento i contagi a Palermo, un dato che non bisogna sottovalutare. Cresce la paura del contagio ma stavolta la prospettiva della pericolosità cambia: da una parte la vista di una riapertura e una ripresa della movida palermitana tornata quasi a pieno ritmo, dall’altra invece la presenza del virus in città che ancora non azzera completamente i ricoveri, in crescita in questi giorni. L’ospedale Cervello è la struttura Covid hospital in cui sono attualmente ricoverati nel reparto di malattie infettive i pazienti affetti dal virus. Sono 7 ad oggi i ricoveri registrati, l’ultimo caso riguarda come già risaputo la collega della 26enne presentatasi il 30 luglio presso la tenda triage del pronto soccorso, la quale accusava mancanza di gusto e…

Era stato fissato per fine luglio

Aiop-Aris, saltata la firma del rinnovo contratto, Ugl: appello a Razza

Era stato fissato per fine luglio il termine ultimo per la firma dell’accordo per il rinnovo del contratto Aiop – Aris della sanità privata. Un evento atteso da ben 14 anni anche da migliaia di lavoratori siciliani quello che, dopo la pre-intesa del 10 giugno, invece non ha avuto lieto fine come spiega il segretario regionale della federazione Ugl sanità Carmelo Urzì. “Dopo una lunghissima trattativa, l’accelerazione impressa con l’avvento del ministro della Salute Roberto Speranza ed il si giunto dalle parti datoriali, sindacali e politiche, credevamo davvero di aver raggiunto il traguardo sperato ed inseguito per tantissimo tempo. Sembrerebbe che lo stop sia scaturito dopo la rottura tra i rappresentanti della Conferenza Stato – Regioni ed i vertici dell’ospedalità privata sulla dotazione di circa…

in presenza del Direttore Generale Dr. Francesco Iudica

Asp di Enna, stabilizzazione per 5 ostetriche: rafforzeranno i punti nascita della provincia

L’ASP di Enna ha adeguato l’organico degli ostetrici. Cinque ostetriche hanno firmato il contratto a tempo determinato in presenza del Direttore Generale Dr. Francesco Iudica, del Direttore del Dipartimento Materno Infantile, dr.ssa Loredana Disimone,  e della dott.ssa Oriana Ristagno, Presidente dell’Ordine Provinciale delle ostetriche di Enna nonché ostetrica del Dipartimento. A margine dell’incontro la dr.ssa Disimone ha ribadito il valore sociale della maternità  e delle politiche a favore dell’area materno-infantile nel territorio provinciale, sottolineando che questa giornata rappresenta un punto di partenza per la realizzazione dei  nuovi modelli organizzativi proposti dal  Dipartimento Materno Infantile e pienamente sostenuti e condivisi con i vertici aziendali. Le neoassunte andranno a rafforzare l’organico dei punti nascita di Enna e di Nicosia per promuovere un modello innovativo e virtuoso centrato sull’integrazione tra l’ospedale ed il…

Molti individuati grazie a contact tracing

Regione, report Covid-19: in Sicilia ci sono 14 positivi, quasi tutti asintomatici

Sono 14, quasi tutti asintomatici, i pazienti risultati positivi in Sicilia in base al report trasmesso dalla Regione siciliana al Ministero della Salute. Il numero maggiore di contagi si registra nel catanese, con 7 casi: cinque sono legati al cluster dell’hinterland etneo mentre altri due sono emersi in occasione dei tamponi effettuati nel pre triage per ricoveri in ospedale. Due positivi sono stati individuati a Messina grazie al contact tracing sulle persone entrate in contatto con i pazienti dell’Istituto ortopedico. Altri due positivi sono stati registrati nel ragusano tra i 108 migranti sbarcati ieri a Pozzallo. Infine un solo nuovo caso ciascuno si registra nelle province di Palermo, Trapani e Caltanissetta, anche quest’ultimo emerso grazie al contact tracing sul paziente trovato positivo ieri. © Riproduzione…

Cardiologia dell'Arnas Civico di Palermo

Disturbi cardiaci, al Civico un nuovo defibrillatore: trasmette i dati tramite un’app

cardiologia

Un nuovo strumento all’avanguardia arriva presso la struttura palermitana della Cardiologia dell’Arnas Civico di Palermo. “Si tratta di un dispositivo a suo modo rivoluzionario” così ne parla  Giuseppe Sgarito responsabile del Laboratorio di Elettrofisiologia. Il sistema permetterà di gestire i disturbi del ritmo e lo scompenso cardiaco, monitorando il paziente trasmettendo ai medici tutti i dati della funzionalità direttamente su un’applicazione per smarthphone, seguendolo inoltre direttamente da remoto. “Permette al paziente non solo di essere monitorato dal Centro Ospedaliero che lo segue – continua Sgarito- ma di essere direttamente coinvolto nel suo percorso di cura, è come avere un cardiologo sempre al proprio fianco”. Si tratta però di una strumentazione ancora non disponibile per le strutture del sistema sanitario Nazionale, la ditta produttrice ha deciso…

Associazione dei donatori di sangue italiani

Francesco Pira nominato nel Comitato Scientifico del Centro Studi di Avis nazionale

Il professor Francesco Pira, sociologo e docente di comunicazione all’Università degli Studi di Messina è stato nominato Componente del Comitato Scientifico del Centro Studi di Avis nazionale. A comunicarlo al diretto interessato, il Presidente di Avis Giampietro Briola, con una lettera inviata nelle ultime ore.  Consulente per il progetto di comunicazione integrata di Avis Calabria, in passato ha collaborato con Avis Toscana e Avis Veneto in attività di ricerca e formazione, ed è stato relatore a Milano all’Assemblea nazionale. “Ringrazio il Presidente di Avis nazionale Giampietro Briola e tutti i suoi collaboratori per questa nomina di cui sono onorato. Spero di poter dare il mio modestissimo contributo mettendo a disposizione del neonato Centro Studi l’esperienza maturata in tanti anni di lavoro nella comunicazione sociale e…

Il nuovo incarico

Villa Sofia Cervello, Massimiliano Mosca nuovo primario dell’Unità operativa complessa di Ortopedia

Arriva un nuovo primario all’Unita’ operativa complessa di Ortopedia dell’Azienda Villa Sofia Cervello. E’ il dottor Massimiliano Mosca, nominato a conclusione della selezione pubblica per titoli e colloquio per l’assegnazione dell’incarico quinquennale. Palermitano, 51 anni, il dr. Mosca dal 2001 e’ in servizio presso l’Ospedale Cervello, poi dal 2009 Villa Sofia Cervello. Vanta una grande esperienza sulla grossa traumatologia e sull’artroscopia del ginocchio e sulla protesica del ginocchio, su anca e spalla sia su base degenerativa che traumatica. Conta una ricca casistica con piu’ di 7000 interventi come primo operatore. “Complimenti e buon lavoro – afferma il Direttore Generale Walter Messina – al dr. Mosca, professionista qualificato e di grande esperienza. Una nomina ricaduta su una professionalita’ interna, la cui valorizzazione puo’ sicuramente rappresentare un…

Nursing Up

Nuova legge sulla violenza in ospedale, De Palma: «Una “quasi legge” che non risolverà il problema»

Valentina Reggiani si porta sulle spalle il “fardello” di 23 anni di onorato servizio sulle ambulanze italiane. Una vita trascorsa, nel modenese, a difendere la salute dei pazienti, a tentare di salvare vite umane, a combattere spesso contro il tempo, in sfide improbe, per tentare di sconfiggere la morte. Valentina è una infermiera del 118, oggi amareggiata e delusa: la donna denuncia, in un recente articolo apparso sul Resto del Carlino, che non riesce più a svolgere serenamente il lavoro che più ama. In pochi giorni racconta di essere stata aggredita fisicamente, per ben due volte. E di aver rischiato la vita in entrambe le occasioni. Prima per strada, nel tentativo di soccorrere un ferito appena investito da un’auto, picchiata ripetutamente dalla stessa vittima che…

LA DICHIARAZIONE

Immigrazione e coronavirus, Razza a Lamorgese: “Verifiche sanitarie grazie alla Regione”

Ruggero Razza

 “Il ministro ieri ha detto significativamente che hanno fatto 1500 sierologici a Lampedusa. Correggo il dato: la Regione Siciliana ne ha fatti quasi 6000 – tra sierologici e tamponi – in Sicilia sui migranti. E devo dire che probabilmente sarebbe stato più generoso e più corretto da parte del ministro dire che ciò si è verificato solo ed esclusivamente grazie alla collaborazione del Sistema Sanitario Regionale“. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza che, oggi a Catania, commentando quanto detto ieri dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che ieri, a Lampedusa, ha incontrato i responsabili provinciali delle Forze di polizia e una delegazione degli operatori della polizia di Stato, dei carabinieri e della guardia di finanza che svolgono il servizio sull’isola, interessata anche in queste settimane da ripetuti…

1 2

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.