Privacy Policy
Home / Dalla politica / Zona rossa nei weekend e molte altre restrizioni: in attesa del nuovo DPCM per il 10 marzo

Zona rossa nei weekend e molte altre restrizioni: in attesa del nuovo DPCM per il 10 marzo

Oggi, 10 marzo, alle 17 la cabina di regia a Palazzo Chigi si riunirà per decidere possibili nuove strette per arginare la diffusione del coronavirus. Nel nuovo Dpcm si prevede zona rossa nei weekend con bar e ristoranti chiusi anche in zona gialla, che sarà ‘rafforzata’ con nuovi divieti, regole, misure e restrizioni – ma nessun lockdown nazionale per fermare l’emergenza Covid in Italia.

No al lockdown nazionale quindi, Italia zona rossa soltanto nei weekend, con regole e divieti più stringenti, e zona gialla rafforzata con misure più severe. Sono queste le indicazioni del Cts per arginare i contagi di Covid e limitare l’impatto delle varianti.

telegram

Una stretta delle misure, già a partire dal prossimo weekend: tutto come avvenuto durante le vacanze di Natale.

Non fa piacere, non fa piacere affatto. Ed è terribile, pesante, triste, ma purtroppo è tardivo. Le misure drastiche servivano prima, se l’avessimo fatto sarebbe stato meglio per tutti”, è l’opinione espressa dal professor Massimo Galli, responsabile del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, all’Adnkronos Salute. Le misure più stringenti sono necessarie, ma: “Le accolgo, come tutti, con lo stesso gusto con cui mi darei martellate sugli alluci“, ha aggiunto.

Per uscire dal tunnel, serve l’accelerazione nella campagna vaccinale di cui ha parlato il premier Mario Draghi. L’obiettivo del governo è arrivare a 60 milioni di somministrazioni entro fine giugno. Le dosi per l’Italia aumenteranno nel secondo trimestre dell’anno.

L’azienda Johnson&Johnson ha ridimensionato la notizia del taglio delle dosi previste per l’Europa nel prossimo trimestre, garantendo comunque l’impegno a fornire 200 milioni di dosi all’Ue nel 2021, a partire dal secondo trimestre.

Per quanto riguarda l’Italia, nel periodo dall’8 marzo al 3 aprile, saranno fornite complessivamente circa 6,5 milioni di dosi. Nel secondo trimestre, invece, in Italia si registrerà un netto incremento delle dosi disponibili, per un ammontare complessivo di oltre 36,8 milioni di dosi per Pfizer, AstraZeneca e Moderna.

 

di Redazione
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.