Privacy Policy
Home / Strutture pubbliche / Ospedali / Villa Sofia – Cervello, un’Azienda alla paralisi amministrativa: la richiesta a Musumeci

Villa Sofia – Cervello, un’Azienda alla paralisi amministrativa: la richiesta a Musumeci

La Federazione CIMO – FESMED degli OO.RR. Villa Sofia – Cervello ha scritto in data odierna alla Direzione Aziendale e, per conoscenza, al Presidente della Regione, On.le Nello Musumeci, nella sua qualità di Assessore Regionale della Salute ad interim e al Direttore del Dipartimento per la Pianificazione Strategica, Ing. Mario La Rocca per rappresentare le gravi criticità amministrative che ormai da troppo tempo attanagliano l’Azienda ospedaliera che è in preda ad una vera e propria paralisi amministrativa.

Se, da oltre un anno a questa parte, l’Azienda è stata pronta ed efficace nella risposta al contenimento della pandemia da Covid 19, non si può più sottacere che l’ordinaria amministrazione da lacunosa si è progressivamente trasformata in assente.

telegram

C’è un elenco interminabile di Unità Operative Complesse senza Primario (Cardiologia, Neurologia, Neurochirurgia, Chirurgia Generale e Oncologica, Oncoematologia, Farmacia, Patologia Clinica, Microbiologia e Virologia, Neonatologia, Oculistica), alcune da diversi anni, senza che siano state ancora avviate le procedure selettive per l’affidamento dei relativi incarichi.

Ma anche in presenza di procedure selettive già espletate non si procede all’affidamento dell’incarico di direzione di UOC: è il caso della Gastroenterologia dell’Ospedale Cervello che attende da oltre un anno che venga individuato il vincitore e che si proceda al suo insediamento.

Tutti i dirigenti medici e sanitari attendono da anni di avere affidato l’incarico dirigenziale previsto dal CCNL ma non è ancora stato esitato nemmeno il relativo Regolamento e quindi Unità Operative strategiche rimangono senza una guida formale (Chirurgia Maxillo-Facciale e Chirurgia Vascolare solo per fare un esempio).

Protestano, a buon diritto, i dirigenti medici che attendono che venga loro corrisposto l’aumento dell’indennità di esclusività al compimento dei 5 o dei 15 anni di anzianità; alcuni aspettano dal 2018, altri dal 2019. Ritardi inaccettabili.

Protestano ancora i dipendenti precari in attesa della agognata stabilizzazione di cui si attende come un miraggio l’adozione della delibera e l’avviso di ricognizione interna; ma a quanto pare è impresa titanica.

Protestano i dipendenti che ancora aspettano i cosiddetti “incentivi Covid” dei quali, pur sapendo che si tratta di ben poca cosa, nessuno ha ancora visto un euro bucato.

Protestano i dirigenti medici che hanno scoperto, grazie all’azione di CIMO – FESMED, di non aver ricevuto una quota di Retribuzione di Posizione a partire dal 2010; anche in questo caso la direzione aziendale tace.

La Federazione CIMO – FESMED nel porre all’attenzione dei vertici regionali la incresciosa situazione degli OO.RR. Villa Sofia – Cervello, chiede alla direzione aziendale un confronto sindacale su tutti i temi sollevati.

Nelle more proclama lo stato di agitazione sindacale e, nel perdurare di tale sconcertante situazione, si riserva di adire le vie legali a tutela degli interessi dei propri rappresentati.

di Redazione
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.