Privacy Policy
Home / Salute / Smart working, l’importanza della postura davanti alla scrivania | FOTO DEGLI ESERCIZI

Smart working, l’importanza della postura davanti alla scrivania | FOTO DEGLI ESERCIZI

SCORRI LA GALLERY

Con le restrizioni adottate dal governo, siamo costretti ad una vita molto più sedentaria, in più si aggiunge l’adozione da parte di molte aziende molte aziende e lavoratori, dello smart working. Oggi più di ieri, siamo costretti a stare molte ore seduti davanti al computer. In questa situazione, e bene mantenere una postura corretta per evitare fastidiosi dolori, anche se passiamo molto tempo davanti al computer.

Il dolore alla schiena, collo e spalle provocato da una cattiva postura, colpisce ogni anno quasi 80% delle persone che svolge un lavoro che lo costringe a lunghe ora davanti la scrivania. A causare questi problemi, oltre alla postura non corretta, troviamo: ipotonia muscolare, dischi intervertebrali danneggiati e stress.

Tra i sintomi più comuni, che si possono riscontrare dopo qualche ora passata davanti lo schermo e che passano non appena ci si alza dalla sedia, rientrano: sensazione di indolenzimento alla schiena, dolore al collo e spalle e mal di testa.

Tuttavia il perseverare nel tempo, i problemi possono divenire un po’ più seri e scaturire in:

Lombalgia, lombosciatalgia, cefalea e dolore cervicale

Per prevenire tutto ciò, si può agire con due soluzioni: corretta postura durante le ore davanti la scrivania ed il rafforzamento del core.

Per mantenere una posizione corretta bisogna seguire queste regole fondamentali:

  • Mantenere la schiena ben aderente allo schienale della poltrona spingendo il bacino verso dietro.

  • Regolare l’altezza della seduta

  • Tenere la schiena dritta, allineando spalle e bacino.

  • Tenere la distanza di circa un metro tra la propria testa e lo schermo.

  • Regola i braccioli della sedia ad una altezza che non faccia stare in. Tensione la muscolatura delle braccia e delle spalle.

  • Mantenere la posizione delle gambe con un angolo di 90°.

Mentre nella seconda soluzione ti basta eseguire questi 4 esercizi per 10 minuti, tre volte alla settimana. Ripetendo ogni esercizio 3 volte, alternando 30 secondi di lavoro e 30 secondi di recupero.

di Dario Cerasola
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.