Privacy Policy
Home / Alimentazione e Stili di vita / La capsaicina il principale composto bioattivo dei peperoncini: proprietà e controindicazioni

La capsaicina il principale composto bioattivo dei peperoncini: proprietà e controindicazioni di Raffaella Mallaci Bocchio

Il peperoncino (Capsicum annuum) deriva dai frutti delle piante di peperoncino Capsicum, noti per il loro sapore piccante. Sono membri della famiglia botanica dei peperoni e pomodori, ne esistono molte varietà come il cayenna e il jalapeño.

I peperoncini sono usati principalmente come spezie e possono essere cotti o essiccati e in polvere.

La capsaicina è il principale composto vegetale bioattivo nei peperoncini, responsabile del loro gusto unico e pungente e di molti dei loro benefici per la salute.

I dati nutrizionali per 1 cucchiaio (15 grammi) di peperoncino crudo, fresco e rosso sono:

Calorie: 6

Acqua: 88%

Proteine: 0,3 grammi

Carboidrati: 1,3 grammi

Zucchero: 0,8 grammi

Fibra: 0,2 grammi

Grassi: 0,1 grammi

I peperoncini sono ricchi di varie vitamine e minerali, ma poiché vengono consumati solo in piccole quantità, il loro contributo all’apporto giornaliero è minimo.

Tra i micronutrienti presenti vanno citati:

Vitamina C: i peperoncini sono molto ricchi di questo potente antiossidante, importante per la guarigione delle ferite e la funzione immunitaria.

Vitamina B6: una famiglia di vitamine del gruppo B , B6 svolge un ruolo nel metabolismo energetico.

Vitamina K1: conosciuto anche come fillochinone, la vitamina K1 è essenziale per la coagulazione del sangue e per ossa e reni sani.

Potassio: un minerale dietetico essenziale che svolge una varietà di funzioni, il potassio può ridurre il rischio di malattie cardiache se consumato in quantità adeguate.

Rame: spesso privo della dieta occidentale, il rame è un oligoelemento essenziale, importante per ossa forti e neuroni sani.

Vitamina A: i peperoncini rossi sono ricchi di beta carotene, che il tuo corpo converte in vitamina A.

La capsantina è Il principale carotenoide nei peperoncini rossi ed è responsabile del loro colore rosso e del loro sapore pungente e di molti dei loro effetti sulla salute; è il principale composto vegetale bioattivo e ha alcune proprietà uniche.

Si lega ai recettori del dolore, che sono terminazioni nervose che avvertono il dolore. Ciò provoca una sensazione di bruciore ma non provoca lesioni da bruciore reali.

Inoltre, rende questi recettori del dolore insensibili ad altre forme di dolore, come il bruciore di stomaco causato dal reflusso acido .

I peperoncini sono associati a numerosi benefici per la salute. Possono favorire la perdita di peso se associati ad altre strategie di stile di vita sano e possono aiutare ad alleviare il dolore causato dal reflusso acido.

Uno studio ha rilevato che quando 2,5 grammi di peperoncino rosso venivano somministrati quotidianamente alle persone con bruciore di stomaco, il dolore peggiorava all’inizio del trattamento di 5 settimane ma migliorava nel tempo  (N Engl J Med. 2002 Mar 21;346(12):947-8.)

Ciò è supportato da un altro piccolo studio di 6 settimane che mostra che 3 grammi di peperoncino ogni giorno migliorano il bruciore di stomaco nelle persone con reflusso acido.

L’effetto desensibilizzazione non sembra essere permanente e uno studio ha rilevato che è stato invertito 1-3 giorni dopo l’interruzione del consumo di capsaicina.

Inoltre, alcune prove suggeriscono che la capsaicina può favorire la perdita di peso riducendo l’appetito e aumentando il consumo di grassi.

In particolare uno studio su 24 persone che consumano peperoncino regolarmente ha scoperto che l’assunzione di capsaicina prima di un pasto ha portato a un ridotto apporto calorico.

Un altro studio ha osservato una riduzione significativa dell’appetito e dell’apporto calorico solo in coloro che non consumavano regolarmente peperoncino.

Ovviamente bisogna porre molta attenzione alle quantità consumate.

In quantità elevate, provoca forte dolore, infiammazione, gonfiore e arrossamento.

Nel tempo, l’esposizione regolare alla capsaicina può causare l’insensibilità di alcuni neuroni del dolore a ulteriori dolori.

In pazienti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS), il peperoncino può peggiorare temporaneamente i sintomi causando dolore addominale e diarrea.

È importante prestare attenzione ai propri livelli di tolleranza quando si mangiano peperoncini. Usarli come spezia può essere salutare, ma coloro che soffrono di disturbi digestivi dovrebbero evitarli.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.