Privacy Policy
Home / News / Disturbi dell’apprendimento, a Palermo il professore Benso: “Si possono migliorare con esercizi di recupero” | Videointerviste

Disturbi dell’apprendimento, a Palermo il professore Benso: “Si possono migliorare con esercizi di recupero” | Videointerviste

 

Guarda le video interviste in alto

Difficoltà e disturbi dell’apprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia) e possibilità di trattare e migliorare questi disturbi specifici nei bambini e negli adolescenti.

Si è parlato anche di questo nell’incontro pubblico su “Attenzione esecutiva e apprendimenti”, martedì 28 maggio, a Palermo, nella scuola Ancelle del Sacro Cuore di Gesù (in via Marchese Ugo 6) su iniziativa di “Virtualmente”, centro studi per l’apprendimento Onlus, a cui ha partecipato il professor Francesco Benso, fra i più importanti studiosi di neuroscienze cognitive in Italia.

Professore Francesco BensoI bambini e i ragazzi con disturbi dell’apprendimento che hanno una fragilità del sistema attentivo esecutivo, spesso presentano difficoltà nel gestire le proprie emozioni, controllare i loro impulsi, sopprimere i pensieri irrilevanti; hanno difficoltà a gestire la frustrazione e possono presentare anche difficoltà relazionali, ma soprattutto hanno difficoltà ad imparare se non coinvolti e motivati in maniera adeguata. Il nostro sistema attentivo esecutivo è allenabile attraverso degli appositi training che creano quelle connessioni che gli permettono di ristrutturarsi”.

“I disturbi specifici dell’apprendimento – ha aggiunto il professore Benso – si possono, infatti, trattare e migliorare attraverso  esercizi di recupero anche in adolescenza. Il trattamento apporta cambiamenti cognitivi e strutturali, mantiene i risultati e soprattutto non solo è applicabile all’età evolutiva ma anche all’adulto”.

Il professore Benso è docente di Neuroscienze cognitive e ha insegnato Psicologia Fisiologica e Psicologia dell’attenzione nell’Università degli Studi di Genova. Da anni è consulente e formatore presso diverse università italiane, aziende sanitarie locali, ospedali e centri clinici e sportivi.

La sua presenza a Palermo è un’occasione molto importante, perché il docente è, fra l’altro, autore del celebre “Metodo Benso”, un trattamento cognitivo integrato in grado di apportare notevoli benefici ai bambini e ai ragazzi con disturbi dell’apprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia).

Al termine dell’incontro, l’inaugurazione dei nuovi locali palermitani del Centro Studi e Ricerche per l’Apprendimento “Virtualmente Onlus” in via Notarbartolo 35, iniziativa nata dall’esperienza familiare di Sara Ferina (mamma di due bambini con disturbi dell’apprendimento), che, dopo avere raggiunto il titolo di tecnico dell’apprendimento (TdA), ha intrapreso negli anni una vera e propria missione: aiutare tutti i ragazzi con difficoltà, attivando la rete “scuola – doposcuola – famiglia”.

Sara Ferina responsabile virtualmente onlusAl centro di Virtualmente c’è il bambino o il ragazzo – afferma Sara Ferinaresponsabile del centro Virtualmente onlus – che se ha consapevolezza delle proprie caratteristiche centra l’obiettivo, quindi metodo di studio, quindi potenziamento. Per aiutare le famiglie a superare queste difficoltà è importante fare rete, quindi un supporto arriva dal doposcuola specialistico, col potenziamento e con le attività individuali, quindi Centro, famiglia e scuola perché è importate che attorno ai ragazzi coi disturbi di apprendimento si crei una rete consapevole” conclude Sara Ferina.

Oggi la Onlus attivata da Sara e da suo marito Antonio Di Fresco si dedica quotidianamente all’aiuto e alla risoluzione dei problemi di bambini, adolescenti e famiglie che sono direttamente coinvolte nelle problematiche dell’apprendimento, sia a scuola, sia nelle ore extrascolastiche, con lo scopo di far crescere i ragazzi nel loro percorso individuale verso l’autonomia e l’autostima.

 

 

di Veronica Gioè
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.