Privacy Policy
Home / Strutture pubbliche / Policlinici / Coronavirus: sempre più giovani i pazienti ricoverati al Policlinico di Palermo

Coronavirus: sempre più giovani i pazienti ricoverati al Policlinico di Palermo

Sono operativi da lunedì e sono già tutti occupati i 7 posti letto aggiuntivi attivati presso la struttura complessa di Pneumologia Covid dell’AOU Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo.

In coincidenza con la scoperta delle varianti, molti più giovani sono stati vittime di contagio da Covid. I sanitari, infatti, stanno riscontrando alcune differenze significative tra l’ultimo trimestre 2020 e questi primi mesi del 2021. Se tra ottobre e dicembre 2020 in totale sono stati 97 i pazienti ricoverati per grave insufficienza respiratoria da polmonite da Covid, tra Gennaio e Marzo il numero si è innalzato a 184. In ospedale i pazienti sono più giovani, ma si registra anche un tasso di guarigione maggiore rispetto al passato: il 56% torna a casa, mentre nella fase precedente la percentuale era del 36%. Si è abbassata anche la mortalità, dal 26% al 21% e si è dimezzata la necessità di ricorrere a manovre invasive di tipo rianimatorio.

telegram

Ci sono più variabili – spiega il Prof. Nicola Scichilone, direttore della UOC di Pneumologia  – che hanno inciso su questi esiti: di certo l’esperienza ha permesso con il tempo di affinare sempre più il nostro approccio clinico introducendo le terapie più idonee. Attualmente la tecnica di ventilazione non invasiva, con supporto alla meccanica respiratoria, e l’erogazione di aria e ossigeno ad alti flussi, si stanno rivelando più efficaci di altri trattamenti in uso in precedenza. Se negli ultimi mesi del 2020 abbiamo visto pazienti che in media avevano 68 anni, oggi la riduzione dell’età media si può di certo motivare anche con l’avvio della campagna vaccinale in cui è stata coinvolta la popolazione più anziana e fragile. A favorire il contagio tra i più giovani nell’ultimo periodo sembra essere stata la prevalenza delle varianti, tra cui quella inglese che è risultata tra le più diffusive. La vaccinazione resta un’arma essenziale per contrastare i contagi”.

Ma perché adesso sembrerebbero i giovani ad essere i più colpiti? “In questo momento è vero che l’età mediana dei contagi è intorno ai 44 anni. Questo avviene perché essendo più contagiosa, la variante si trasmette più facilmente, anche nei bambini (pur avendo meno recettori per la proteina Spike). Non è legato alla presenza delle varianti. Il fatto è che essendo più capace di diffondersi, infetta anche di più. L’età mediana che si è ridotta è un dato esclusivamente epidemiologico e dovuto al primo effetto della campagna vaccinale sugli anziani, sugli ospiti dell’RSA e su tutto il resto della popolazione che piano piano si va vaccinando. Sono scomparsi praticamente i casi negli operatori sanitari, nelle strutture ospedaliere, nell’RSA e così via“, spiega il dottor Pietro Colletti, infettivologo responsabile dell’Unità operativa complessa Malattie Infettive dell’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala.

“La nostra equipe si è impegnata costantemente nella cura del malato con forza, dedizione ed empatia – tiene a ribadire il Prof. Scichilone -. Vi è attenzione costante al paziente e al tempo stesso la continua voglia di incrementare le nostre conoscenze su questa patologia per offrire la migliore assistenza possibile. Nessuno si è mai tirato indietro nonostante il carico di lavoro sia spesso impegnativo non solo dal punto di vista fisico, ma anche e soprattutto sul piano psicologico. Per garantire il contatto con gli affetti più cari vengono realizzate quotidianamente le video chiamate con le famiglie e il personale medico effettua ogni giorno, al termine della visita, un colloquio telefonico con il familiare di riferimento per aggiornare sulle condizioni cliniche“.

“Desidero ringraziare – sottolinea il Commissario dell’AOU Policlinico Paolo Giaccone Alessandro Caltagirone – tutti gli operatori impegnati in prima linea nei reparti covid, ma anche tutti gli altri specialisti che, in questo periodo di pandemia, hanno comunque assicurato continuità assistenziale. A differenza di altre realtà ospedaliere, infatti, il policlinico Giaccone ha dato il suo contributo nella lotta al covid garantendo anche le altre attività di cui i cittadini hanno bisogno. Nei prossimi giorni, confidando in una riduzione dei ricoveri, potremo riprendere a pieno le attività delle unità operative specialistiche che in questi giorni hanno subito una riduzione dei posti letto con l’auspicio di poter ripristinare gli altri servizi no covid”. 

di Paola Chirico
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.