Privacy Policy
Home / Sanità in Sicilia / Biologia sperimentale: 93° congresso della società italiana, numeri da record

Biologia sperimentale: 93° congresso della società italiana, numeri da record

Circa 300 iscritti, 13 patrocini, 10 sessioni scientifiche distribuite in 4 giorni, 2 simposi satellite, 2 premi Nobel tra gli ospiti, oltre 150 comunicazioni su argomenti che spaziano dalla COVID-19 alle neuroscienze, dalla medicina dello sport allo stress cellulare. È, in numeri, un riepilogo per difetto del 93° Congresso Nazionale della Società Italiana di Biologia Sperimentale (SIBS), presieduta da Francesco Cappello, Ordinario di Anatomia Umana presso l’Università degli Studi di Palermo, che ha sperato fino all’ultimo di poter tenere il Congresso quanto meno in modalità “mista” e che invece alla fine, per le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, si terrà interamente on-line nei giorni compresi tra il 22 e il 25 aprile.

Eravamo pronti per far svolgere il Congresso in modalità mista, quindi con una parte del pubblico in
presenza, qui a Palermo – dichiara Cappello – e lo sforzo organizzativo non era stato di poco conto in tal
senso, ma alla fine abbiamo dovuto ripiegare per la modalità interamente “a distanza”. Pazienza, speriamo l’anno prossimo vada meglio“.

telegram

Il Congresso vedrà molti relatori di chiara fama, tra cui alcuni premi Nobel: “Sì, quest’anno la Lettura più importante (quella dedicata a Gaetano Quagliariello, già Presidente della SIBS e Rettore dell’Università di Napoli, n.d.r.) sarà tenuta da Guido Silvestri, noto scienziato italiano che lavora ad Atlanta e che ha contribuito non poco alla divulgazione di informazioni scientifiche serie e affidabili sulla COVID-19 attraverso numerose interviste televisive e radiofoniche. Guido ci parlerà dei vaccini contro il virus SARS- CoV-2. Inoltre, farà una Lettura anche Antonio D’Amore, un altro cervello italiano che lavora prevalentemente negli USA anche se recentemente ha ottenuto un importante e prestigioso grant europeo per rientrare in Italia, e in particolare a Palermo. Antonio ci parlerà dei suoi esperimenti e dei suoi brevetti per la cura di malattie cardiache. Infine, nel simposio satellite che concluderà il Congresso saranno collegati due recenti premi Nobel ossia Michael Houghton e Roger Penrose, vincitori del massimo riconoscimento scientifico mondiale per – rispettivamente – la Medicina e la Fisica. Insomma, non ci sarà molto tempo per annoiarsi in questi quattro giorni“.

Il Congresso comincerà il 22 mattina con i saluti istituzionali: “Sì, avremo un bel parterre di ospiti che porgeranno il loro indirizzo di benvenuto, tra cui il nostro Past-President, il Prof. Massimo Cocchi. Avremo purtroppo anche un ricordo triste, la commemorazione di un giovane collega, Ștefan-Adrian Strungaru, un ricercatore rumeno che avrebbe dovuto fare la lettura inaugurale nel simposio satellite su Mare e Ambiente e che pochi giorni fa, a soli 32 anni, è deceduto durante un’immersione. La notizia ci ha sconvolti, abbiamo deciso immediatamente di dedicargli il Simposio e stiamo preparando una targa alla memoria che invieremo alla famiglia subito dopo il Congresso. La vita purtroppo infligge duri colpi nei momenti meno attesi“.

Saranno dati premi?: “Sì, assegneremo numerosi premi per le comunicazioni e i videoposter migliori
presentati da giovani ricercatrici e ricercatori, sono il nostro futuro e su di loro dobbiamo puntare per
avere dei laboratori sempre più attivi e vivaci popolati da menti fresche che possano effettuare nuove e
importanti scoperte. La SIBS è stata per tanti anni la Società scientifica italiana che segnava il “battesimo” nel mondo della ricerca per le nuove leve e il mandato della mia Presidenza è fortemente orientato a fare della SIBS una società scientifica dei giovani e per i giovani. A quasi metà mandato siamo già sulla buona strada ma il percorso da compiere è ancora lungo“.

È possibile ancora iscriversi per seguire i lavori?: “Sì, tutte le informazioni sono reperibili nel sito del
Congresso: https://www.congressosibs1925palermo.it/ dove si trovano anche gli indirizzi e-mail a cui
scrivere per eventuali ulteriori informazioni“.

di Paola Chirico
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.