Privacy Policy
Home / L’Opinione

L’Opinione

L’associazione è risultata forte con lo scarso sviluppo intellettivo

L’anemia da carenza di ferro nelle prime 30 settimane di gravidanza associata a disturbi dello sviluppo neurologico del nascituro

Di Salvatore Corrao La presenza di anemia (in particolare da carenza di ferro) nelle prime 30 settimane di gravidanza è risultata associata ad una più elevata incidenza di disordini dello sviluppo del sistema nervoso quali quelli dell’autismo, il disordine di deficit dell’attenzione/iperattività e la disabilità intellettiva. Sono stati studiati ben 532.232 individui, che alla fine dello studio avevano tra 6 e 29 anni, di 299.768 madri (JAMA Psichiatry 2019). L’associazione è risultata forte tra anemia e lo scarso sviluppo intellettivo (2 volte e mezzo più probabile nei figli di donne con anemia). Tuttavia, l’aumento di rischio significativo, sia in termini statistici che clinici, è stato registrato anche per gli altri disordini. I risultati di questa ricerca sono rilevanti e sottolineano l’importanza di una valutazione internistica…

La Medicina Interna come risorsa per SSN: ma di cosa si tratta?

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 

1 2 3 6

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.