Privacy Policy
Home / Cronaca

Cronaca

Assistito dall'UOC di Ortopedia

“R. Guzzardi” di Vittoria: paziente ringrazia il primario con una lettera

È arrivata, direttamene, al direttore generale dell’Asp, Angelo Aliquò, la lettera di un paziente F.S., assistito dall’UOC di Ortopedia dell’ospedale “R. Guzzardi” di Vittoria, che ha voluto esprimere la sua gratitudine per le cure ricevute. La lettera “Buongiorno, a seguito di un intervento al femore dx, effettuato presso il nosocomio di Vittoria il 23/10/2020, ho sentito il dovere di esprimere compiutamente la mia gratitudine al Dott. Oscar Cammarata il quale ha effettuato un intervento riuscito nel più pregevole dei modi.   La competenza, perizia e scrupolosità adottate durante il mio intervento, e successivo ricovero, mi hanno consentito una pronta e completa ripresa nonostante i miei 76 anni.  Già a pochi giorni dall’intervento non avevo grandi difficoltà motorie ed a meno di 30 gg sono perfettamente in…

sotto quota 8mila in città e 11mila in provincia

Report Covid del Comune: cala per la prima volta il numero positivi a Palermo

Numeri finalmente confortanti per quanto riguarda l’emergenza Covid-19 in provincia di Palermo. Dopo un mese calano infatti gli attuali positivi, scendendo sotto quota 8.000 in città e sotto quota 11.000 in provincia. E’ quanto emerge dal report quotidiano curato dall’Ufficio statistica del Comune, che si basa sui dati forniti dalla Asp di Redazione© Riproduzione Riservata

Gia' in vita aveva espresso il proprio consenso

Villa Sofia, prelievo multiorgano da un giovane donatore: “Salverà altre vite”

Al presidio “Villa Sofia”, dell’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello” di Palermo, e’ stato effettuato un prelievo multiorgano, da giovane persona, che gia’ in vita aveva espresso il proprio consenso alla donazione degli organi. La persona deceduta, proveniente da altro nosocomio siciliano, era arrivata al reparto di Neurorianimazione (diretto dalla dott.ssa Innocenza Pernice) dell’Azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello”, in coma profondo, causato da pregressa patologia neurologica. Accertata la morte cerebrale si e’ pertanto proceduto al prelievo multiorgano e sono risultati idonei alla donazione i polmoni, il fegato, i reni e le cornee. “Emoziona in modo particolare – commenta il direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello”, Walter Messina – che una persona ancora giovane, in un tempo che fisiologicamente…

Ordini dei medici siciliani

Covid e posti letto, Omceo Sicilia: “Noi salviamo vite, i politici facciano i politici”

“Gli Ordini dei medici siciliani non entrano nel merito della vicenda che sarà chiarita dalle istituzioni competenti. Intendiamo però seguirla passo passo già dalla prima commissione Salute dell’Ars, già stabilita il prossimo 24 novembre. Ciò che però emerge immediatamente dalle notizie di stampa è il tentativo di rifilare responsabilità ai medici della mancata applicazione del Piano regionale Covid, cosa che attiene alla politica e alle sue diramazioni. I confini con la professione medica sono molto chiari. I politici facciano i politici, i medici salvano vite rispondendo ad un codice etico. Non è una divisione ma percorsi paralleli, dove ciascuno riveste il proprio ruolo. A fronte dell’insostituibile lavoro dei medici nella cura dei malati Covid con una carica di umanità senza precedenti, certe dichiarazioni senza controllo, solo…

in merito alla situazione della disponibilità delle terapie intensive

Coronavirs, terapia intensiva: ministero invia Nas e personale tecnico in Sicilia

Il ministero della Salute, secondo quanto apprende l’ANSA, ha disposto l’invio di personale tecnico e agenti dei carabinieri del Nas in Sicilia, in merito alla situazione della disponibilità di posti letto ospedalieri e di terapia intensiva. L’assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza incontrando i giornalisti a Catania, ha detto: “Ho sentito il Ministero questa mattina e ho detto ‘guardate che è il caso, concordemente, nell’ambito del principio della reale collaborazione, che assieme ai Nas si faccia un immediato controllo di tutto quello che è stato caricato sulle nostre piattaforme”. “Si è creata una polemica surreale. E’ surreale – ha aggiunto – perché non riguarda la veridicità dei dati, non si mette in dubbio che ciò che è stato caricato effettivamente corrisponde a ciò…

EMERGENZA CORONAVIRUS

Termini, focolaio Covid: positivi al tampone rapido tutti gli ospiti di una Rsa

La Comunità Alloggio Casa di Maria potrebbe essere sede di un nuovo focolaio covid-19 a Termini Imerese (PA). Tutti i dieci ospiti presenti risultano essere positivi al tampone rapido, sebbene nessuno di loro presenti sintomi. ‘Stanno tutti bene, cosa strana per degli anziani. Aspettiamo di sottoporli al tampone molecolare’, fanno sapere dalla struttura. Nel frattempo sono stati attivati tutti i protocolli previsti e i positivi presenti all’interno della struttura risultano, come detto, essere in buone condizioni di salute. Il Comune di Termini Imerese, attraverso il comando di polizia municipale e il gruppo comunale di Protezione civile, fornirà dall’esterno, l’assistenza Covid necessaria alla struttura. di Redazione© Riproduzione Riservata

BOLLETTINO

Coronavirus: altri 44 morti in Sicilia e 1871 nuovi positivi

Lieve aumento dei casi di Coronavirus in Sicilia. Nelle ultime 24 ore si contano infatti 1.871 nuovi contagiati contro i 1.837 di ieri, cio’ nonostante il numero dei tamponi: 11.470. Lieve flessione dei decessi, 40 oggi contro i 44 di ieri. Dato che porta il numero totale dei morti a 1.055. Dato che porta il numero totale dei morti a 1.055. E’ quanto riporta il bollettino del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore della Sanita’ I DATI Il totale degli attualmente positivi in Sicilia e’ di 33.581 (+1.479), 31.809 si trovano al momento in isolamento domiciliare. Rallentano intanto i dati sul fronte ospedaliero: i nuovi ricoverati sono 4, portando il numero a 1.532; stabili le terapie intensive a 240. PER PROVINCIA I nuovi positivi sono così distribuiti:…

Trapianto da vivente

Trapianti, ISMETT di Palermo: figli donano parte del fegato ai genitori

ismett palermo

L’Ismett non si ferma. Sono due i trapianti di fegato da vivente su paziente adulto eseguiti nelle scorse settimane presso il centro palermitano. Attualmente è la sola struttura in Italia ad aver mantenuto il programma attivo e adesso il centro palermitano è in procinto di potenziare il programma trapianto da vivente così da poter supplire alla carenza di donazioni che si è ulteriormente aggravata a causa della pandemia in corso. Il programma da vivente è stato mantenuto attivo grazie ad una vera e propria riorganizzazione dell’Ospedale. Ismett è, infatti, in prima linea nella lotta contro la pandemia e ha già istituito al suo interno un intero reparto di Terapia intensiva esclusivamente dedicato ai pazienti affetti da coronavirus. In questi ultimi due casi a donare una…

Sanità siciliana

Ospedale “R. Guzzardi” di Vittoria: Morto un infermiere della rianimazione

La Direzione Strategica esprime cordoglio per la perdita di Gianni Russo, 58 anni, infermiere della Rianimazione dell’ospedale “R. Guzzardi” di Vittoria. Si stringe al dolore di tutta la famiglia, supportandola in questo momento di grande dolore, certa di interpretare il sentire di tutta l’Asp di Ragusa. «Il nostro saluto d’addio è per un professionista riconosciuto da tutti per l’impegno e la dedizione al suo lavoro». Dopo circa due mesi l’infermiere Gianni Russo non ce l’ha fatta e lascia un vuoto immenso non solo nell’Asp di Ragusa ma in tutta la comunità vittoriese che in questa seconda ondata sta vivendo momenti molto drammatici. di Redazione© Riproduzione Riservata

Diversi dipendenti in quarantena

Coronavirus, muore un dipendente della casa di riposo SS.Salvatore di Palermo

Il Coronavirus colpisce ancora una volta le case di riposo: è deceduto un infermiere dipendente della struttura palermitana SS. Salvatore, in Via Altarello. A confermarlo è la struttura stessa, la quale attualmente si trova a fronteggiare l’emergenza Covid-19, vista la positività anche di alcuni dipendenti che al momento sarebbero in quarantena. Sono diverse attualmente le RSA del territorio Palermitano che si ritrovano in serie difficoltà a causa della presenza di focolai interni. Il virus infatti non ha colpito solo i fragili pazienti, ma ha anche destabilizzato la categoria degli operatori sanitari. Questi ultimi infatti lavorano instancabilmente nella riorganizzazione delle turnazioni vista la riduzione del personale, oltre a garantire la continuità delle cure dei loro assistiti. di Fabiola Pepe© Riproduzione Riservata

1 2 3 40

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.