Privacy Policy
Home / News / Aderenza terapeutica: l’importanza della comunicazione tra medico – paziente| VIDEO INTERVISTE

Aderenza terapeutica: l’importanza della comunicazione tra medico – paziente| VIDEO INTERVISTE

convegno mobile

GUARDA VIDEO INTERVISTE IN ALTO

Si è tenuto oggi a Palermo, nell’hotel NH di via Lincoln, il corso M.A.P., Miglioriamo l’Aderenza del Paziente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’aderenza terapeutica è definibile come “il grado di effettiva coincidenza tra il comportamento individuale del paziente e le prescrizioni terapeutiche ricevute dal personale sanitario curante”. Questo concetto si riferisce tanto alle prescrizioni farmacologiche, che alle indicazioni relative alla dieta e allo stile di vita. Tra le problematiche da considerare quando si tratta dell’aderenza vanno distinte le condizioni di non aderenza non intenzionale da quella intenzionale.

telegram

Per non-aderenza non intenzionale si intende la mediocre qualità di comunicazione tra medico e paziente. Il paziente non comprende completamente la necessità della cura e è in grado di seguire le prescrizioni, dimenticando di assumere il farmaco assegnatogli.

Invece, per non-aderenza intenzionale si intende il paziente che comprende cosa dovrebbe fare ma decide diversamente, si tratta di convinzioni erronee circa la natura della malattia (causa, durata e complicanze) e circa il valore delle terapie farmacologiche, ossia la paura dei possibili effetti collaterali e delle reazioni avverse da farmaci.

telegram

Questo significa che la non aderenza alla terapia può portare al problema diffuso dell’inefficacia totale o parziale della terapia.

Arnas civico palermoL’aderenza al trattamento terapeutico  – afferma il professore Salvatore Corrao direttore U.O.C. di Medicina interna all’Arnas Civico Palermo – rappresenta un elemento chiave per una terapia efficace, ma la mancata di questa rappresenta un diffuso problema in tutto il mondo soprattutto per quanto riguarda i pazienti affetti da malattie croniche. L’obiettivo di questo corso è quello di rendere tutti i partecipanti consapevoli della importanza dell’aderenza alla terapia per una corretta ed appropriata gestione del paziente cardiopatico iperteso”.

Arnas civico palermoL’ipertensione arteriosa – afferma il dottore Luigi Calvo specialista Medicina interna Arnas Civico Palermo –  è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. In Italia una persona su tre è affetta da questa patologia, addirittura le statistiche indicano che il 50% della popolazione più anziana, quindi a partire dai 65 anni, è quella ad essere maggiormente colpita. E lo scopo di questa giornata, è quello di creare un confronto, tra chi opera in sanità,  per discutere dell’appropriatezza terapeutica e dell’importanza della comunicazione tra medico e paziente “.

di Veronica Gioè
© Riproduzione Riservata

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.